Menu

Moravia, iperpresente

2017/09/27 - Anniversario, Letteratura di: MG Colombo
Moravia, iperpresente

Sarà per quello sdrucitissimo ma ancor accogliente immenso divano così vissuto, sarà per quei cuscini floreal- naïf a piccolo punto, o forse per i libri eccellenti che fan da parete e cornice ai celebri ritratti, o, ancor più, per la sua inconfondibile voce che con lucidità e stringatezza (altro che tweet) sa narrare di sé e del suo tempo, sarà per tutto questo che non dimenticheremo questo 26 settembre 2017, passato a casa Moravia.

Il  Fondo Moravia  ha infatti ricordato lo scrittore nel giorno della scomparsa, 26 settembre 1990, proponendo l’ascolto di un’intervista del 1980, pescata  nella loro ricca audioteca, rilasciata per una puntata del programma radiofonico Spazio Tre.

Sollecitato da Niccolò Zapponi a parlar de Gli indifferenti, pubblicato col successo di cui si sa, nel 1929, quando era poco più che 21enne, Moravia esordisce raccontando di esser stato sin da bambino un affabulatore, di non esser mai andato a scuola per (s)fortunate coincidenze, di aver avuto in mente il libro sin dagli 11 anni, di aver cominciato a scriverne dai 17, sostenendo che “si nasce narratori, poi si diventa scrittori“.

Come non dargli ragione.

Il Libro, rifiutato dal primo editore, soggiogato dai temi salgariani allora di gran moda, insofferente di quella che gli parve “una nebbia di parole,…dove non accade niente “, fu pubblicato grazie ad  un investimento paterno di 5000 lire.

Di fatto si trattava del primo romanzo esistenzialista in Europa, nel quale Moravia trovava le chiavi per narrare il disagio borghese, ben 10 anni prima di Sartre (La nausea 1938) e di Camus (Lo straniero1942).

Interessantissimo il discorso sulla censura fascista, assente perchè ignara e sprezzante della forza della parola scritta, sul provincialismo italiano, sull’autobiografismo, sulla corrispondenza con Dostoevskij, sull’influenza di Freud e più ancora di Marx sulla narrativa italiana di quegli anni

Una gran bella  lezione di storiografia letteraria dall‘altrove per eccellenza.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *