Menu

Il Cane del Santo – Lele Lampione

2011/08/16 - Letteratura di: MG Colombo

                                                                       

Storie di conti e visconti, villani e postriboli.  

Non è vero che ” non c’era spazio per i poeti quella mattina”:  un inaspettato squarcio di leggerezza,  fuor dall’ orrida tenaglia della  Manovra Agostana,  mi è venuto dal racconto Il Cane Del Santo  di  Lele Lampione, beccato su segnalazione della Lipperini su Repubblica 13 Agosto.

Subito si è presi dalla favola, che, con calviniana ironica grazia fa crescere  attorno al lettore  boschi frondosi ricchi di selvaggina, che con animalesca astuzia, si sottrae al rito della caccia padronale.

Ecco i soliti  idioti potentati, gli smagati plebei  caustici quanto basta (‹‹Oggi si stanno impegnando. Guarda un po’ che polvere alzano›› a proposito dei padroni intenti alla loro dominante occupazione , la caccia appunto) .

All’ombra dell’immancabile bordello, vero fulcro della vita sociale della contrada, regina la bellissima Lia, antesignana della Bocca di Rosa di De Andrè, si abbatte  un inaudito evento:  la chiesetta di Riozzo misteriosamente crolla e sotto le macerie vengono trovati gli abiti della bella Lia, incontrastata benefattrice e dell’altrettanto bel prete in odore di santità ed altro.  Dei due nessuna traccia ….

Il gioco diventa inarrestabile, condito dalle gustose spiegazioni che la fantasia popolare tesse intorno all’evento, col perfetto meccanismo della favola volto a spiegare l’inspiegabile. .

Mentre il bordello viene ribattezzato “di Santa Lia”, si cerca il celebre pittore  del Capanno, in frequente crisi di ispirazione e spunta anche  il famoso rabdomante turco Mohamed Abdul Aziznei…..

Uno spasso, leggere per credere.

Il racconto si pùò leggere, scaricare, stampare da

letture.wordpress.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *