Menu

Monsieur Lazhard, da Algeri la blu a Montreal la bianca sporca

2012/09/19 - Cinema di: MG Colombo
Monsieur Lazhard, da Algeri la blu a Montreal la bianca sporca

Potrebbe essere un film sulla scuola, l’infanzia, l’accoglienza, la separazione, la burocrazia, il linguaggio…

E’ il quarto film scritto e diretto dal pluripremiato Philippe Falardeau, adattamento delle piéce omonima di Evelyne de la Chenelière.

Senza fobie, senza moralismi, il protagonista affronta la sua dolorosa condizione di emigrato anche con una sana intraprendenza, che lo porta a contatto con un gruppo di bambini, già segnati da un contesto urbano asettico, da famiglie assenti/ invadenti, dal dramma di un’insegnante molto amata e drammaticamente perduta.

Il mestiere di insegnante non è facile, figuriamoci per chi si improvvisa e ripete schemi educativi lontani nello spazio e nel tempo (Balzac, l’Algeria).

Eppure Monsieur Lazhard ci riuscirà saltando gli steccati comportamentali dettati da rigidi protocolli, esorcizzando la sua tragedia con la cordiale umiltà del suo comportamento, avvicinando i suoi alunni sul terreno del disagio attraverso il linguaggio comune della favola.

Straordinario Felag/Bachir interrogato sulle ragioni della sua richiesta di rifugiato politico, quando balla da solo, quando viene ripreso per i suoi errori di pronuncia, quando briga per il posto…

http://video.ilsole24ore.com/Cinema/Video/2012/00009469-monsieur-lazhar.php

2 thoughts on “Monsieur Lazhard, da Algeri la blu a Montreal la bianca sporca

pantry

Hello! This is my first comment here so I just wanted to give
a quick shout out and say I really enjoy reading through your posts.
Can you recommend any other blogs/websites/forums that cover the same subjects?
Thanks a lot!

Reply
coffee

Its like you learn my thoughts! You seem to know so much
about this, such as you wrote the ebook in it or something.
I believe that you simply can do with a few percent to pressure the
message home a little bit, however instead of that, this is magnificent blog.
An excellent read. I will certainly be back.

Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *