Menu

Orson Welles e l’uomo medio, secondo Pasolini

2014/04/27 - Attualità, Mostre di: MG Colombo
Orson Welles e l’uomo medio, secondo Pasolini

Palazzo Esposizioni

Pasolini Roma

cinema arte fotografia letteratura poesia critica
15 aprile – 20 luglio 2014
a cura di Gianni Borgna, Jordi Balló, Alain Bergala

Le famose quattro domande del giornalista di “Teglie sera”

Che cosa vuole esprimere con questa sua nuova opera?”  
“Il mio intimo, profondo, arcaico cattolicesimo.”  
Che cosa ne pensa della società italiana?”  
“Il popolo più analfabeta, la borghesia più ignorante d’Europa.”  
Che cosa ne pensa della morte?”  
“Come marxista è un fatto che non prendo in considerazione” 

pasolini welles

“Lei non ha capito niente perché lei è un uomo medio:
un uomo medio è un mostro, un pericoloso delinquente, conformista, razzista, schiavista, qualunquista.
Lei non esiste…
Il capitale non considera esistente la manodopera se non quando serve la produzione… e il produttore del mio film è anche il padrone del suo giornale… Addio.” 

vedi episodio Regista da La Ricotta – Orson Welles

http://www.youtube.com/watch?feature=player_embedded&v=_1-YsnH3KSY

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *