Menu

No Bici di Alberto Fiorillo (Ediciclo Editore)

2012/05/24 - Discussioni di: MG Colombo

Presentazione da Feltrinelli, via Vittorio Emanuele Orlando, con A.Melone di Repubblica.it, Paolo Bellino per #salvaiciclisti, V. Cogliati Dezza presidente Legambiente. Letture di Giselle Martino (#salvaiciclisti) 23 maggio 2012.

In paziente attesa di Cities fit for cyclists, i 50mila cittadini bicimuniti, che hanno partecipato a #Salvaciclisti, si specchino nel pamphlet di Alberto Fiorillo e avviino una salutare autocritica, ove si ritrovassero in snobistica compagnia di fighetti dell’ultima ora, a cavallo di costosissime bici, simboli più che di ecologici ideali di spocchiose (s)manie esibizionistiche, che Fiorillo stana al provocatorio grido di “No Bici”.

Evitino poi i succitati di incrociare Paolo Bellino, con bici ed eloquio senza freni nello stigmatizzarli, personificazione verace del mitico ciclista di Giovannino Oliviero Giuseppe Guareschi, per il quale una bici non poteva pesare meno di 40 chili.

Di freni manco parlarne.

Evocato, nel divertimento generale, dalla bella voce dell’attrice Giselle Martino, il brano relativo al campionario di smarruppate caratteristiche, che una bici doc doveva possedere secondo lo spassoso guareschi-pensiero, puntualmente riportato in NO Bici.

Fiorillo è responsabile Aree Urbane di Legambiente, di forte impegno civile e robusta vena sarcastica, felicemente sottolineata da  Gian Antonio Stella nella prefazione di ” Scurriculum. Viaggio nel’Italia della demeritocrazia” ( Paolo Casicci – Alberto Fiorillo).

Sollecitato da Angelo Melone di Repubblica, ha offerto una sponda di leggerezza al problema emergenziale della mobilità cittadina e agli indomita militanti della bici.

Con una buona dose di  garbata ironia ha tracciato un quadro esilarante della tipologia di un certo tipo di ciclista.Vedi breve estratto: 

” La bici contemporanea, anzi, è sempre più cool, è per molti giovani una cosa che non “ti” porta, ma “si” porta. S’indossa come un capo di abbigliamento, è l’abito del dandy e dell’hipster, del fighetto e del controfighetto. Come dire: l’apparenza in canna. Inoltre la bici è ecologica ed economica, è un motus symbol, una critical mass, il tratto distintivo dello snob e della “sciura”, la recente e immacolata icona dei pubblicitari, il simpatico gadget per l’assiduo cliente, l’attrezzo sportivo, la beauty farm, l’antitrombotico naturale, il giocattolo del bimbo, la compagna di passeggiate, persino un’idea filosofica, un mantra, il paradigma della lentezza o della velocità umana e non motorizzata, il tramite per riscoprire il proprio corpo e il proprio io”

Ce n’è abbastanza per sollecitare Bellino, (co)stretto da troppo tempo su scomoda sedia, ad un nuovo intervento, sintetizzabile in un atto di fede nella bici magistra vitae et motus (lui lo ha detto meglio).

E’ toccato al presidente di Lega Ambiente, Vittorio Cogliati Dezza sottolineare che, nonostante il grande successo della mobilitazione di #Salvaiciclisti, l’atteggiamento antropologico di automobilisti e biciclettisti non è cambiato e non giova creare nuovi feticci e contrapposizioni.

Come dire, non c’è relazione di Confcommercio, invocazione deleuziana a decrescita felice, aumento delle accise,inquietanti statistiche di incidenti, dandysmo modaiolo che tenga, se non intervengono precisi innovativi  interventi politici ed amministrativi, che riportino il problema della mobilità tra le priorità del Paese, a creare percorsi virtuosi. 

 

 

4 thoughts on “No Bici di Alberto Fiorillo (Ediciclo Editore)

Alberto Fiorillo

Grazie mille, MG, ottima recensione, hai colto la leggerezza dell’evento e del mezzo di trasporto bicicletta…

Reply
ANTONELLO MASCIADRI

Ho letto il libro, e condivido le opinioni.
Non sono d’accordo soprattutto quando la signora moglie nella postfazione, denigra i ciclisti con il PANNOLONE.
Ho fatto 16 mila chilometri l’anno passato e senza il PANNOLONE penso che sarei dovuto fare visita ad un proctologo. Ma, a prescindere da questo, io ritengo che qualsiasi forma di bicicletta sia da ritenersi positiva, comprese quelle con lo scatto fisso o le MTB in città, ma anche chi si reca in collina col SUV per fare escursionismo in bici. Chiederei al Signor Fiorillo di essere un po’ più elastico, non esiste solo il suo modo di vedere la bicicletta.
Ho scritto a voi perchè non ho trovato da nessuna parte l’e mail di Alberto Fiorillo, spero gli facciate avere ilò mio messaggio.
Saluti
Antonello Masciadri

Reply
  • Pingback: SI bici, NO Ciemmona | Francesco Ciaraffo

  • Magico

    Salve,
    grazie mille per il contributo.

    Pio La Bici
    leader di #salvaiciclisti

    Reply

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *