Menu

Trame. Festival dei libri sulle mafie: in festival veritas.

2012/06/07 - Festival di: MG Colombo

Lamezia Terme

20 –  24 giugno 2012 

 

Lamezia Terme si candida a breve a diventare il luogo più schizofrenico d’Italia.

Cornice di un evento di altissimo valore culturale e, suo malgrado, sfondo di una discutibilissima manovra politica, che, se ancora ce ne fosse bisogno, evidenzia l’ incolmabile distanza tra cittadini e istituzioni.

Gianni Speranza, sindaco della Città, durante la presentazione del Festival, ha infatti comunicato che, esattamente negli stessi giorni della manifestazione, si consumerà il rito della chiusura del Tribunale della Città, nello sconcerto della gente e la perdurante indifferenza del governo.

 

In questo contesto, mentre l’ informazione distrattamente non documenta più i quotidiani delitti e prevaricazioni, che si susseguono al Sud, il Festival assume un valore aggiunto, riporta qui l’ attenzione, offre un palcoscenico alla testimonianza, alla denuncia, alla riscossa culturale.

A sottolineare il valore formativo del libro, della lettura, della scrittura,  proponendosi come vera bottega creativa, a Lamezia si presenteranno 50 titoli.

 

Professionisti di AIE, partendo dal dato che la lettura è un fattore di sviluppo anche economico, terranno un workshop gratuito, come l’austerity impone, al fine di creare nuovi editori e librai al Sud. 

Tra le tante novità che rendono imperdibile questo avvenimento, voluto da Tano Grasso e diretto da Lino Abbate, la scelta di aprire con le donne e sulle donne.

Non in modo casuale ma causale, si comincia con Il Coraggio delle Donne, tanto più esemplare in un habitat a forte connotazione machista, come  Bianca Stancanelli con Angela Bubba, Angela Corica, Silvana Fucito, Alessandra Cerreti, evidenzieranno.

Una schiera di  personaggi del mondo della cultura, dell’editoria, dello spettacolo, della magistratura contribuiranno a disegnare la trama della manifestazione, che rincorre l’ambizione di raggiungere l’intero territorio nazionale grazie alla diretta di Radio24 e Il sole 24.

 New entry, la casa editrice Emons raccoglierà in un audiolibro le testimonianze inedite dei protagonisti dell’evento, per la voce di Anna Bonaiuto e Paolo Briguglia, che il settimanale l’ Espresso distribuirà, garantendone fruizione e memoria.

Dedicato particolarmente ai giovani il seminario sul cinema e  il workshop sull’esperienza scenica, condotto da Monica Zappelli ( 100 passi) e Donatella Diamanti, in collaborazione col prestigioso Premio Solinas.

Amatissimi performers, ad animare la prima serata del Festival, saranno Ficarra e Picone, che sottolineranno la valenza politica dell’essere frivoli.

Ed ancora, a seguire nelle rimanenti serate, la band di Scampia A67, Davide Enia, Zoro, Pif.

 

/http://www.tramefestival.it/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *