Menu

La vertiginosa leggerezza, ironia, sensibilità di Filomena Campus a Cagliari.

2013/06/17 - Festival di: MG Colombo
La vertiginosa leggerezza, ironia, sensibilità di Filomena Campus a Cagliari.

My Jazz Island

 Lazzaretto di Cagliari

20, 21 e 22 giugno

and
Pizza Express Jazz Club di Soho. Londra

11 al 13 novembre 

Cagliari magari non è più quella ripida e dorata che nel 1921 conquistò H.D.Lawrence, ma mantiene la sua stupefacente luminosità mediterranea. Più vicina all’Africa che all’Europa, capita di chiedersi con lo scrittore inglese come abbia fatto ad arrivare là:

Sembra la Spagna, o Malta: non l’Italia“.

Ci diranno gli inglesi Steve Lodder, Dudley Phillips, Martin France e Orphy Robinson, capitanati da Filomena Campus e Stefano Benni, le loro impressioni sulla Città, che con questo doppio evento si candida a divenire fantasmatico ponte con Londra.

In tempi di duri serrati confronti tra humanitas ed animalitas, assume grande rilievo, al di là del valore artistico, l’impegno civile dei performers..

Filomena Campus, stella del jazz internazionale, autrice e regista teatrale, legata alle problematiche contemporanee, in dirompente feed-back con il suo pubblico, ha sempre mostrato grande vocazione a far sue le tematiche di impegno sociale, spesso firmate da autori in grado di giocare sul filo della denuncia e dell’ironia, come Franca Rame, De André, Stefano Benni, co-autore del Festival.

Il suo molto atteso prossimo show a Cagliari conferma, come da dichiarazioni alla stampa,  la gioiosa propensione a perseguire con i suoi spettacoli quella socialità artistica invocata da Edoardo Sanguineti, in grado di suggerire un’idea di comunità alt(r)a.

www.filomenacampus.com.

” Programma ricco allestito dalla cantante, autrice e regista teatrale Filomena Campus insieme alla cooperativa Forma e Poesia nel Jazz, con la collaborazione di Ross Dines del Jazz Club londinese di Soho e il contributo dell’Istituto Italiano di Cultura nella capitale britannica.

tra i quali citiamo la presenza del pianista e fisarmonicista Antonello Salis, del trombettista Paolo Fresu e di Stefano Benni, comprimario della Campus nello spettacolo Italy Vs. England che vede in scena il quartetto della cantante e sia Orphy Robinson che Cleveland Watkiss come ospiti. Un’intesa artistica, quella tra Benni e la Campus, che viene da lontano e si concretizza con lo spettacolo Misterioso, dedicato alla musica e alla straordinaria figura del grande pianista jazz Thelonious Monk.

con i musicisti del mio quartetto inglese: Steve Lodder, Dudley Phillips, Martin France e Orphy Robinson special guest. Abbiamo tenuto il primo e l’ultimo brano della versione originale, uno pseudo rap surreale dal titolo God Save the Queen che questa volta sarà arricchito dalla musica scritta da Steve Lodder, e la spendida Creuza De Ma’ di De André, con la traduzione dal genovese di Benni e un arrangiamento raffinato di Dudley Phillips.  Ci sono brani molto divertenti, come Onehand Jack, la storia di un contrabbassista con una mano sola, in cui il nostro special guest Orphy Robinson reciterà la parte di Dio in un dialogo con lo stesso Benni. Il resto sarà una sorpresa”.

2 thoughts on “La vertiginosa leggerezza, ironia, sensibilità di Filomena Campus a Cagliari.

nicole

La qualita’ delle informazioni su questo sito

Reply
freelance

bel servizio, da provare, complimenti per il blog 😉 Continuo a seguirvi, aspetto con ansia nuovi aggiornamenti!!

Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *