Menu

Dies de Festa e di sapienza narrativa e di impegno civile.

2013/08/04 - Attualità, Discussioni, Letteratura di: MG Colombo
Dies de Festa e di sapienza narrativa e di impegno civile.

 “Per un certo periodo ho pensato che scrivere romanzi fosse inutile.

bella

Non posso perdere tempo con la finzione mentre intorno tutto crolla, pensavo.

Però Gomorra ha ridato nerbo alla figura dello scrittore che parla della realtà usando la sapienza narrativa.

D’altra parte penso anche che Kafka, col Processo, ha cambiato il mondo più di quanto possa fare Bauman.

Abbiamo permesso che la parola intellettuale diventasse un insulto, è vero. Abbiamo lasciato crescere una generazione di intellettuali che non stanno nella realtà.

Però raccontare per me resta l’unico modo di dire quel che non puoi spiegare.

Bisogna accettare di essere transitori. Di essere utili per il presente.

Senza l’ambizione narcisistica di dire ma io, fra cento anni, sarò ricordato.

A me basterebbe che fra cento anni dicessero c’era da assumersi una responsabilità e l’ha fatto.

Sì, Pasolini ha saputo fare le due cose insieme ma non siamo tutti Pasolini”.

Michela Murgia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *