Menu

Il metodo Harry Quebert ovvero l’eleganza del granchio. (11- 6)

2013/08/12 - Attualità, Discussioni, Letteratura di: MG Colombo
Il metodo Harry Quebert ovvero l’eleganza del granchio. (11- 6)

Via con Joyce Carol Oates, Hemingway, London fino a Capossela, Truman Capote, Stephen King, Richard Yates, Richard Ford…..incontrollato effetto page-turner.

Trasversali alle 770 pagine del romanzo di Joël Dicker, le 31 regole dell’Allenatore

per ben scrivere e boxare.

joel

11

Colpisci quel sacco.Colpiscilo come se ne andasse della tua vita.

Devi boxare come scrivi e scrivere come boxi: devi metterci tutto te stesso perchè ogni match come ogni libro può essere l’ultimo. (pag.493

10

Noi siamo scrittori perchè facciamo in maniera diversa una cosa che tutti sanno fare: scrivere.

In questo sta tutta la sottigliezza (pag 509)

9

Le parole sono importanti. Ma non scrivere per farti leggere: scrivi per farti capire.

 (pag 527)

8

Chi osa vince.Pensa a questo motto ogni volta che affronti una scelta difficile.

Chi osa vince.  (pag. 557)

7

Adora l’amore. Fanne la tua conquista più bella,la tua sola ambizione.

Dopo gli uomini, ci saranno altri uomini. Dopo i libri ci sono altri libri .Dopo la gloria, ci sono altre glorie. Dopo il denaro, c’è ancora il denaro.

Ma dopo l’amore ...dopo l’amore c’è solo il sale delle lacrime.  (pag.589)

6

Il principio Barnaski.

Quando le parole non bastano più , prova ad usare le mani. (pag.605)

—————-

ed. Bompiani maggio 2013 stampato su carta certificata Forest Stewardship Council – FSC

in accoglimento alla campagna “Scrittori per le Foreste”

http://www.greenpeace.it/scrittori/progetto.htm

http://www.ibs.it/code/9788845273285/dicker-joeuml;l/verita-sul-caso.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *