Menu

Piantatela di Tw e Rt @Selvaggia Lucarelli

2014/01/14 - Attualità, Discussioni di: MG Colombo
Piantatela di Tw e Rt @Selvaggia Lucarelli

Non siete tra quelli cui Rilke consigliava di
“Non lasciarsi dominare dall’ironia, specialmente nei momenti di aridità”?.
Non Tw @Selvaggia Lucarelli

Amate il pensiero unico? Non Tw @Selvaggia Lucarelli

Siete adepti senza se e senza ma del metodo Stamina? Non Tw @Selvaggia Lucarelli

Coltivate l’opprimente sentimento del presenzialismo purchessia?
Non Tw @Selvaggia Lucarelli

Siete Manuela Arcuri incerta tra” kefiah pellicciata abbinata a vestitino di lana con cuori rovesciati”? Non Tw @Selvaggia Lucarelli
Trovate urticanti quelle che, su tacco 12, si mostrano in foto con domestici cuccioli
umani e animali?

selvaggia figlio cane

Ma piantatela di Twittare  @Selvaggia Lucarelli!!!

Lei non è la cantrice dell’epica del minimalismo, che rovescia il barbaro esibizionismo. Non è uno strumento nelle mani del pensierorepellente
Non ha ereditato il gene del fair play, non è campionessa di retorica garantista e cervelli siliconati.

Selvaggia_Lucarelli1 internet

Attualmente singolissima,(anche se si stenta a crederlo), con batteria presumibilmente ancora al 30% su storie andate, pesca qua e anche là e sberleffa, in modalità perennemente satirica, ‘st’attrice di Hollande, promosso honoris causa, bimbominkia con casco e cornetto.

Dice quel che agita il pensiero di molti a proposito del test del dna di Balotelli:
“A maggio saprà se è il Padre di Pia. A maggio? Non ho capito, sta in coda con gli altri papabili?”

Non le sfugge il fascino carnivoro di Cracco, l’esilarante posizione di Alfano, che
“Sono nove mesi che divide il talamo con Letta e si dichiara pronto alla guerra se il pd vuole le nozze gay”.
In nome della verità, bene comune, si esercita sulla (re)mise pop della conduttrice del tg3 Campania; sottolinea la robusta efficacia linguistica della De Girolamo, da assoldare come gosthwriter, per interagire nel travagliato orizzonte polemico e antagonista
di chi discetta alla Discetti.

 Vien da pensare a Diderot, teorizzatore del concetto breve, antesignano di Twitter:
” Un cinguettio balzano, per metà da gente di mondo e di lettere, per l’altra metà da gente di bancarella e di mercato»

Intanto Lei, a fronte di altrui poco fruibile cialtronesca prosa annuncia :
 Il mio romanzo esce a marzo per Rizzoli e si intitola
“Che ci importa del mondo”
.

Titolone filosofico ed emblematico di un punto di vista legittimamente condivisibile, su cui si eserciteranno biliosi twittaroli con orecchie a mezzasta, al grido ovvio:
“Ormai i libri li scrivono tutti”

Pesci rossi a volontà per costoro e menzione sulla famosa rubrica
“Se la gente non sa campare, glielo insegniamo noi”

https://www.facebook.com/selvaggia.lucarelli?ref=ts&fref=ts

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *