Menu

Anna Gardu, un’alchimista a piede libero

2014/08/16 - Arte, Attualità, Gastronomia, Mostre di: MG Colombo
Anna Gardu, un’alchimista a piede libero

Troppo giovane per esser citata da Anthelme Brillat-Savarin nella sua
Fisiologia del gusto (1825) o rientrare nell’Arte di mangiar bene di Pellegrino Artusi,
Anna Gardu
è già un’icona della cultura gastronomica nazionale.

gardu sgarbiAppena insignita a Castellabate del prestigioso Premio Pio Alferano, terza edizione, Presidente Vittorio Sgarbi, con il suo Re Gall,
Lei è una Babette di ultima generazione, capace di far (ri)vivere sottili esperienze polisensoriali anche ai più gretti;
una Peggy Porschen regina di cake design in versione italiana, divulgatrice e
promotrice di cultura.

gardu 5

Per dire, se le si propone il tema Murat è vivo, nell’ambito di una collettiva di 43 artisti, Lei si chiude nel suo laboratorio e tira fuori il più straordinario “gallo impennacchiato” che si sia mai visto, ironico baroccheggiante omaggio al sanguigno estroso re di Napoli.
E vince.

gardu caramellato

 Anna Gardu da Oliena, con prodigioso alchemico talento, trasforma i tradizionali ingredienti della pasticceria mediterranea in sontuose creazioni alla Gaudì, intrecciando consolidata tradizione e audace innovazione.

gardu pavoncelle
Ligia ad una consuetudine dolciaria orgogliosa del proprio patrimonio
cultural-gastronomico, con mandorle, zucchero, albumi, non perde di vista l’aerea eleganza delle filigrane sarde, le accensioni coloristiche dei costumi tradizionali,
i monili scintillanti del corredo folkloristico, i temi ricorrenti nei millenari decori
bene auguranti della pasticceria sarda, che nei secoli hanno invaso con i loro profumi carrelas e cortes, ritmando lo scorrere delle stagioni  .

bottoni
Ha l’energia dell’imprenditrice Anna Cardu pronta ad ideare laboratori, esposizioni, scuole, una linea dolciaria chiamata tout court “HÓRO”,
ospitata al 
 MAN_Museo d’Arte della Provincia di Nuoro, ove, protetto da teche,
il barbaricino bestiario, le trine, i ricami dei costumi e persino le maschere inquietanti dei Mamuthones e Merdùles, pronte a sciogliersi in un’onda di cioccolato,
raccontano intramontabili miti e riti della cultura materiale di una
golosa fascinosa vitalissima Sardegna. 

 gardu maschere

https://www.facebook.com/HoroDolciArtistici

5 thoughts on “Anna Gardu, un’alchimista a piede libero

Speranza

“Hòro” nella nostra lingua madre significa “cuore” e Anna crea le sue meraviglie proprio col cuore oltre che con la sua arte. E’ una Arti jana = fata dell’Arte.

Reply
cinzia

mi ricorda un paio di musei del cioccolato! pero il problema mi resta: come si fa a disturggere tale opera d’arte per assaporarla?
Non ho il coraggio, sono vigliacca o forse rispetto il cibo e l’arte ma in luoghi (?) separati?….

Reply
Franca Onofri

Capolavori d’arte! Ricevuti in regalo da un’elegante amica non posso pensare di mangiarli! Favolosi gioielli! Complimenti all’ artista.
Franca

Reply
Franca Onofri

Franca – Vorrei un’informazione: questi splendidi dolci contengono glutine? È comunque possibile che nell’ambiente di lavoro ci sia una contaminazione da glutine?
Grazie

Reply
Anna

Buongiorno Franca, gli ingredienti base sono mandorle, miele, zucchero, aromi naturali, zucchero a velo e albume per le decorazioni …. Ovviamente quando si lavora per realizzare dolci per celiaci si prendono tutte le precauzioni.

Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *