Menu

Anna Gardu nel segno di Maria Lai

2014/08/27 - Arte, Gastronomia, Mostre, musei di: MG Colombo
Anna Gardu nel segno di Maria Lai

Segni disegni, sogni bisogni.
Straordinaria flessibilità interpretativa di Anna Gardu, che con un uso sapiente delle tecniche pasticciere passa dalla ridondanza barocca di Re Gall all’elegante minimalismo delle Caprette di Maria Lai, celebrata in questi giorni con una grande antologica dal titolo “Ricucire il mondo”, al Museo MAN di Nuoro, a circa 60 anni dalla prima personale  (1957), presso la Galleria L’Obelisco di Irene Brin.

caprette laiA riconferma dei legami col patrimonio della comunità sarda di appartenenza,
in bella sintonia con il raffinato segno della Lai, colto già nei 50
da Irene Brin, Mirella Bentivoglio, Jorge Eduardo EielsonBruno Munari,
Costantino Nivola,Giuseppe Dessì….,
Ann
a Gardu con manualità fine, che avrebbe incantato (e incantò*) l’Artista di Ulassai, riproduce su squisita pasta di mandorle la temporalità sospesa, il valore del ritmo della celebre capretta della Lai, essenziale raffinata icona del percorso artistico esperienziale
della grande Artista «capretta ansiosa di precipizi» recentemente scomparsa
(Cardedu , 16 aprile 2013)

capretteHÓRO dolci artistici – Quando la passione si trasforma in arte – LINEA ARTE – MARIA LAI –
*Non potrò mai dimenticare il suo sguardo ed il sorriso quando li vide

dolci brevettati marchio registrato (https://www.facebook.com/anna.gardu.5?fref=ts)

Ricucire il mondo
Fino al 2 novembre 2014
Museo MAN
via S. Satta 27 – 08100 Nuoro
tel. +39 0784 25 21 10
orari: 10-13 | 15-20 lunedì chiuso
www.museoman.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *